IL SINDACO DEI ROM

Apprendiamo sconcertati dello strabiliante piano messo in piedi dal Campidoglio in relazione ai campi nomadi.
Sgombrarli? Accompagnare chi li occupa abusivamente da anni e vi conduce le più disparate attività illecite all’uscita della nostra Capitale e possibilmente della nostra nazione? Tutto il contrario.
La sinistra nostrana, di cui il sindaco di Roma è fiero esponente, crede che dinanzi a un problema di questa portata la prima preoccupazione debba essere quello di sollevare lo stile di vita dei rom.
Il piano prevede l’accesso immediato a una serie di diritti sociali che a molti italiani sono preclusi, inclusa una repentina regolarizzazione dei documenti. La logica è purtroppo chiara: ci sono clandestini? Invece di cacciarli si regolarizzano. Pazzesco. Inoltre è previsto anche un contributo economico di diverse migliaia di euro per consentire ai rom di trovarsi una casa.
E i romani? E gli italiani? Abbandonati, derisi e umiliati, stranieri in patria e, il più delle volte incapaci di comprendere la situazione.
Invece di dare consensi a finte opposizioni sarebbe ora di unirsi alla Fiamma di sempre, e renderla sempre più grande per difendere l’Italia. Prima che da difendere non resti più nulla.
 
Daniele Cerbella, Segretario Nazionale Movimento Sociale Fiamma Tricolore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi